martedì 18 dicembre 2018
Testata Turismo Parma Paganini Congressi Archivio Foto Homepage www.comune.parma.it Emilia romagna turismo

Strumenti personali

Tu sei qui: Home / Scopri il territorio / Arte e cultura / Abbazie, monasteri, santuari / Basilica Santa Maria della Steccata

Basilica Santa Maria della Steccata

Piazza della Steccata - 9 - Parma - PR - 43121
Telefono: +39 0521234937 - 282401
Orario:

tutti i giorni dalle 7.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.30. Funzioni da lunedì a venerdì alle 8.00, 9.00, 10.00, 16.30 (tranne luglio e agosto); sabato alle 8.00, 9.00, 10.00, 16.30; domenica alle 8.00, 9.30, 11.00, 16.30.

Tariffe:

ingresso gratuito

Descrizione:

esempio del Rinascimento a Parma, con pianta centrale a croce greca di tipo bramantesco, la Basilica Santa Maria della Steccata venne eretta ad opera di Bernardino e Giovanni Francesco Zaccagni su progetto di ignoto tra il 1521 e il 1539.

Verso la fine del XIV secolo sulla facciata dell’oratorio venne realizzato il dipinto di una Madonna allattante, che divenne presto oggetto di particolare devozione da parte dei parmigiani; dal fatto che l’area dell’edificio era protetta da uno “steccato”, realizzato proprio per regolare l’afflusso dei numerosi pellegrini, quella Vergine iniziò ad essere invocata col titolo di Madonna della Steccata. Per meglio custodire la preziosa immagine, nel 1521 i congregati decisero di far erigere il grande santuario che ammiriamo oggi.

Gli ornamenti e la grande balaustra che gira intorno ai bracci della croce, sono opera di Mauro Oddi e databili intorno alla fine del seicento mentre l'interno è dovuto a più maestri del Rinascimento parmense. 
Nel sottarco che sovrasta l'altare maggiore, si può ancor oggi vedere l'ultima esaltante opera del Parmigianino, Le vergini sagge e le vergini stolte. Del Parmigianino sono anche le due portelle d'organo ai lati dell'entrata mentre di Michelangelo Anselmi è l'Incoronazione, del 1540. La cupola si deve a Bernardino Gatti (1560). Importanti le sculture tombali e la Sagrestia Nobile (1665) di G. B. Mascheroni e Carlo Rottini.

Dalla chiesa si accede al tesoro d'arte e di storia dell'Ordine Cavalleresco dell'Imperatore Costantino conservato nel Museo Costantiniano.

Data dell'ultimo aggiornamento:
07/11/2018


archiviato sotto: