mercoledì 19 dicembre 2018
Testata Turismo Parma Paganini Congressi Archivio Foto Homepage www.comune.parma.it Emilia romagna turismo

Strumenti personali

Tu sei qui: Home / Scopri il territorio / Arte e cultura / Chiese, pievi, battisteri / Pieve di Santa Maria Assunta

Pieve di Santa Maria Assunta

Piazza IV Novembre - Fornovo di Taro - PR - 43045
Telefono: +39 05252218
Orario:

aperta tutti i giorni dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. E' possibile visitarla fuori orario, contattando il parroco al numero sopra indicato. Le funzioni si svolgono tutti i giorni alle 17.30.

Tariffe:

ingresso gratuito

Descrizione:

la chiesa parrocchiale è una delle più importanti pievi romaniche del territorio parmense. Risalente al secolo VIII, presenta attualmente una facciata a capanna. In una nicchia si trova la scultura del pellegrino, segno e richiamo al percorso dell'antica Via Francigena. Due lastre con bassorilievi raffigurano l'inferno e i sette vizi capitali.Ddedicata a Santa Maria Assunta e ricordata fin dall'854, ha origini longobarde che ne definiscono la struttura tozza, a tre navate rette da colonne in pietra e sasso delle quali quella centrale è più alta e più grande ed illuminata da sei monofore risalenti all'XI secolo. Oggi rimangono soltanto resti quali il nartece, un ambone, un portale nel fianco sud ed i paliotto dell'altare maggiore.

L'interno a tre navate risale all'XI secolo. Nell'atrio coperto alcuni capitelli raffigurano i simboli degli evangelisti e la tentazione di Adamo ed Eva.
Sull'altare maggiore spicca l'opera più pregevole della chiesa, una lastra in marmo bianco in stile antelamico, risalente alla fine del XII secolo. In essa è raffigurata la vita di Santa Margherita, martirizzata da Diocleziano, in quattro momenti della sua persecuzione: davanti al perfetto Olibrio, relegata in carcere, vincente in lotta contro il drago e il demonio e al momento del martirio.

Tra i tesori d'arte resta in particolare la croce-reliquiario dell'XI-XII secolo, che reca l'immagine di un Cristo crocefisso venerato dai pellegrini.

Data dell'ultimo aggiornamento:
11/03/2018


archiviato sotto: